Sei in:  Home | Visite ed Esami | Ginnastica propriocettiva
Condividi

Ginnastica propriocettiva

La propriocettività è una componente importante dei meccanismi che controllano e stabilizzano la postura, cioè la capacità di mantenere una posizione del corpo e degli arti e il loro orientamento nello spazio.
Per eseguire un movimento sono necessari continui “aggiustamenti” posturali. L’esecuzione di qualsiasi “gesto” richiede modifiche continue della posizione del corpo, in assenza delle quali l’atleta o la persona che ha subito un trauma, non sarebbe in grado di mantenere l’equilibrio.
Ogni volta che ci si mette in una situazione di “disequilibrio”, il sistema nervoso reagisce fornendo una immediata risposta ai “sensori” presenti nel muscolo che lo avvertono della instabilità pericolosa. Si attuano subito degli automatismi che risistemano il corpo nello spazio. Non si tratta di risposte volontarie, che richiederebbero un tempo troppo lungo, ma automatismi inconsapevoli: esiste “un programma” già impostato che l’organismo applica senza sforzo.
La propriocezione comprende:

Sapere in quale posizione ci si trova, sempre, anche ad occhi chiusi, migliora la nostra capacità di reagire ad eventuali stimoli esterni tendenti ad alterare la nostra posizione nello spazio.
Ma come fa il nostro corpo a mantenersi in equilibrio e a stare eretto? Come riesce a rispondere sempre nella maniera migliore alle continue sollecitazioni che riceve dal mondo esterno?
Tramite la capacità propriocettiva che è una particolare sensibilità, grazie alla quale l’organismo ha la percezione di se in rapporto al mondo esterno.
Infatti non sono solo la vista, l’udito o il tatto ad informare come si posiziona il corpo nella realtà, ma la sensibilità propriocettiva che permette di sentire il movimento di un braccio o di una gamba anche quando gli occhi sono chiusi e consente al corpo di muoversi al meglio.
Dopo un trauma (distorsioni articolari, per esempio) o se si è in una condizione psicologica particolare, si può perdere tale sensibilità: la rete di comunicazione tra Sistema Nervoso Centrale e muscoli va in tilt, le risposte non sono più adeguate. 

Gli esercizi propriocettivi

Esistono però esercizi che riescono a ripristinare o a sviluppare la propriocettività, per regalare al corpo prestazioni sempre più efficienti.
Quando si subisce un trauma possono insorgere non solo lesioni fisiche, l’organismo può perdere e/o diminuire la sua capacità di valutare bene le informazioni che arrivano dall’esterno e i recettori inviano al sistema nervoso centrale sensazioni di qualità inferiore.
Ripristinando tale capacità l’esercizio propriocettivo consente la funzionalità dell’arto ma anche di evitare recidive. Infatti informazioni sbagliate possono causare nuove cadute e altri traumi.
Per questo ci si sottopone ad un programma di esercizi propriocettivi per “rieducare” i riflessi e ottenere nuovamente un controllo ottimale dell’organismo, sottoponendo l’organismo e la parte anatomica che si vuole rieducare (ad esempio una caviglia con una distorsione) a continue sollecitazioni controllate.
Perché è importante allenare la propriocezione?
Moti terapisti nelle attività di recupero funzionale concentrano la loro attenzione esclusivamente su mobilità articolare e tono muscolare tralasciando un aspetto fondamentale: la propriocezione.
L’allenamento propriocettivo è importante perché consente di valutare e migliorare l’utilizzo di questi segnali propriocettivi da parte del cervello e consiste fondamentalmente nel creare situazioni di instabilità per stimolare il sistema neuro-motorio nella sua totalità.
Provate a pensare a cosa accadrebbe agli sportivi (ciclisti, runner ecc.) tutte le volte in cui mettono a dura prova la loro postura e l’equilibrio se non avessero una buona propriocezione.
Obiettivi dell’allenamento propriocettivo sono:

Al Centro Italiano Postura viene utilizzato una tecnologia innovativa di fabbricazione tedesca che consente di raggiungere l’obiettivo di una corretta stimolazione dei riflessi propriocettivi che coinvolge e motiva il paziente sin dalla prima seduta e lo rende partecipe del miglioramento.
Con questa tecnologia il paziente si rende immediatamente conto del suo equilibrio ed interviene velocemente per correggere eventuali sbilanciamenti per mantenere la posizione. La tecnica d'allenamento si basa su sollecitazioni controllate utilizzando una pedana oscillante (tavoletta propriocettiva computerizzata), con differenti gradi di difficoltà. Inoltre il sistema registra i risultati raggiunti in tutti gli esercizi propriocettivi stimolando così il paziente a fare sempre meglio seduta dopo seduta.
Questa metodologia è adatta sia per lo sportivo che vuole migliorare le proprie performances sportive che per l’anziano che desidera migliorare l’equilibrio per evitare le cadute oltre naturalmente a tutti i soggetti che hanno subito un trauma distorsivo, contusivo o un intervento chirurgico alle articolazioni degli arti inferiori (ginocchia e/o caviglie).

Come allenare la propriocezione 

Sono sufficienti due sessioni settimanali, la sessione dura circa 20/25 min., dopo un breve riscaldamento vengono eseguiti diversi esercizi in sequenza di difficoltà crescente. Durante la sessione è importante effettuare gli esercizi su tavoletta propriocettiva computerizzata a piedi scalzi, così facendo si allena anche la sensibilità e la stabilità del piede.

Allenamento propriocettivo ad occhi chiusi

Poiché l’equilibrio è determinato dalle informazioni sulla posizione del proprio corpo che giungono al cervello oltre che dai propriocettori anche dagli esterocettori cioè vista e apparato vestibolare, è possibile intensificare l’allenamento propriocettivo eseguendo gli esercizi ad occhi chiusi. Chiudendo gli occhi si alterano le informazioni necessarie al cervello per raggiungere l’equilibrio e obbligano il paziente a spostare l’attenzione sugli altri canali di informazione.

Prestazione Prima disponibilità
Ciclo 10 sedute ginnastica propriocettiva Entro 3 giorni prenota
Ginnastica propriocettiva Entro 3 giorni prenota
Domande frequenti
  • Per gli esercizi propriocettivi è sicuramente consigliato un abbigliamento comodo, tenga presente che gli esercizi propriocettivi fatti su tavoletta verranno effettuati a piedi nudi.

L'équipe
Di Liberto Girolamo

Di Liberto Girolamo

Fisioterapista e Osteopata

Di Liberto Girolamo

Di Liberto Girolamo
Fisioterapista e Osteopata

Laureato in Fisioterapia nel 2007 all’Università degli Studi dell’Insubria di Varese e in Osteopatia nel 2015, ha lavorato per diverse squadre professionistiche di calcio e softball oltre che in centri medici privati. Collabora con il nostro Centro in qualità di fisioterapista ed osteopata. 

 

Lafortezza Claudio

Lafortezza Claudio

Fisioterapista e Osteopata

Lafortezza Claudio

Lafortezza Claudio
Fisioterapista e Osteopata

Nel 2005 consegue la laurea quadriennale in Scienze Motorie presso l’Università degli studi di Urbino. Successivamente, nel 2013, ottiene anche la laurea in Fisioterapia presso l’Università degli studi di Milano. Successivamente consegue il titolo di Osteopata.
Ha collaborato con diverse strutture in qualità di istruttore di ginnastica antalgica e correttiva e fisioterapista.
Attualmente collabora con il nostro Centro in qualità di osteopata oltrechè per le attività fisioterapiche .

 

Magni Giovanna

Magni Giovanna

Fisioterapista - Metodo Mézières - Bertelè

Magni Giovanna

Magni Giovanna
Fisioterapista - Metodo Mézières - Bertelè

Dopo aver conseguito il diploma di Terapista della Riabilitazione presso la Scuola per terapisti della riabilitazione presso l’Ente Ospedaliero San Carlo Borromeo di Milano con il massimo dei voti nel 1993, si specializza nel 2008 nel Metodo Mézières – Bertelè. Dopo aver lavorato per oltre 10 anni presso la Fondazione Don Carlo Gnocchi di Milano occupandosi di riabilitazione cardiologica, respiratoria, ortopedica e neuromotoria si dedica all’attività di fisioterapista in libera professione collaborando con diverse strutture pubbliche e private.
Attualmente collabora con il nostro Centro in qualità di fisioterapista e terapista metodo Mézières - Bertelè.

Rurale Monica

Rurale Monica

Fisioterapista

Rurale Monica

Rurale Monica
Fisioterapista

Laureata in Fisioterapia nel 2010 presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca, si sta specializzando in Ostepatia presso l’Istituto Italiano di Osteopatia.
Specializzata in riabilitazione neurologica per adulti e bambini, collabora con il nostro Centro come figura fisioterapica di riferimento per le terapie fisiche.


 

Stella Davide

Massofisioterapista e Osteopata

Stella Davide

Massofisioterapista e Osteopata

Nel 2004 consegue la laurea in Scienze Motorie e dello Sport presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, successivamente nel 2009 ottiene il diploma di Massofisioterapista presso l'Istituto E. Fermi di Perugia e nel 2015 consegue il diploma di Osteopata pressoo l'Istituto S.O.M.A. di Milano.
Dal 2007, dopo aver collaborato con strutture sanitarie pubbliche e private, collabora come massofisioterapista presso il centro di riabilitazione Azimut di Milano. Dal 2017 collabora con la nostra struttura in qualità di Osteopata.

 

Notizie correlate
Quiz correlati
Cerca una Specialità
©2009-2017 - Centro Italiano Postura® - Via Vitruvio, 38 | 20124 Milano | P.IVA 07665500968 - Aut. san. ASL - MI n. 84858 del 5/11/2014
Informazione rispondente al D.Lgs n. 70 del 9 aprile 2003. Messaggio informativo diramato nel rispetto delle linea-guida FNOMCeO in attuazione degli art. 55, 56, 57 del Codice di Deontologia Medica. Autodichiarazione trasmessa a FNOMCeO a mezzo pec in data 12/02/2014 prot. nr. 01/MC.
Responsabile del sito: Gianluca Merchich - Sito aggiornato il 29/11/2018 13.12.22