Sei in:  Home | Notizie | Trattamento ecoguidato percutaneo nelle calcificazioni della spalla
Condividi

Trattamento ecoguidato percutaneo nelle calcificazioni della spalla

lunedý 18 maggio 2020 | di: Sabatini Stefano

Sabatini Stefano

Sabatini Stefano
Fisiatra e Specialista in Medicina dello Sport

Dopo aver conseguito nel 2004 la laurea in medicina e chirurgia con lode presso l’Università degli Studi di Perugia, nel 2006 consegue il diploma di ecografia muscolo scheletrica presso la Scuola Europea di Ecografia Muscolo Scheletrica di Bologna e nel 2008 si specializza sempre con lode in Medicina dello Sport (titolo con equipollenza in Fisiatria ai sensi del DM 19.06.2006 e precedenti) presso l’Università degli Studi di Perugia. È stato medico sociale della Ternana calcio, ha ricoperto il ruolo di direttore sanitario per alcune importanti strutture sanitarie, attualmente collabora con il Centro Italiano Postura in qualità di Fisiatra, dove si occupa anche di esami e valutazioni posturali su pedana baropodometrica, terapia del dolore e ossigeno-ozono terapia

Trattamento ecoguidato percutaneo nelle calcificazioni della spalla

Il Trattamento Ecoguidato Percutaneo (TPE) nelle calcificazioni della spalla rappresenta il trattamento maggiormente risolutivo per buona parte delle calcificazioni di spalla. Si tratta di un lavaggio del tendine con aspirazione del materiale calcifico tramite l’inserimento di una coppia di aghi. Viene svolto in anestesia locale, ambulatorialmente e ha una efficacia superiore a qualsiasi altro trattamento.

La tendinopatia calcifica di spalla
La tendinopatia calcifica di spalla è una patologia piuttosto frequente caratterizzata da un dolore alla spalla, che spesso dura mesi, che limita i movimenti durante il giorno e che rende difficile il riposo notturno. La malattia si caratterizza per il deposito di calcio sui tendini dei muscoli che si inseriscono nell’articolazione scapolo-omerale, quella fra braccio e spalla, ovvero la cuffia dei rotatori. Le cause che portano allo sviluppo di questa patologia sono ancora ignote, ma studi epidemiologici hanno evidenziato che colpisce soprattutto fra i 409 e 50 anni di vita e prevalentemente le donne.

Diagnosi di tendinopatia calcifica di spalla
Per la diagnosi di tendinopatia calcifica della cuffia dei rotatori è sufficiente eseguire una ecografia oppure una radiografia della spalla interessata. Questi esami ci permettono, oltre ad individuare la calcificazione, anche di escludere altre possibili cause di dolore alla spalla quali ad esempio una tendinite da sovraccarico, l'artrosi gleno-omerale e la rottura della cuffia dei rotatori.

Il trattamento ecoguidato percutaneo (TPE) nelle calcificazioni della spalla
Si tratta di una tecnica ambulatoriale che si esegue in anestesia locale sotto guida ecografica.
Il paziente viene fatto distendere sul lettino in decubito supino, si procede ad accurata disinfezione della cute e si inietta anestetico locale nella spalla. Successivamente, mediante guida ecografia si inserisce un ago direttamente nella calcificazione e, tramite lo stesso, si esegue una irrigazione con soluzione fisiologica. A contatto con la fisiologica la calcificazione si scioglie per essere poi aspirata sempre tramite lo stesso ago. Infine si inietta un farmaco steroideo per ridurre l'infiammazione. La durata del trattamento è circa 15 minuti.

Raccomandazioni post trattamento
Nell'immediato il paziente resta per circa mezz'ora in osservazione presso l'ambulatorio poi può tornare a casa e riprendere, già dal giorno successivo, le sue normali attività. Si raccomanda di evitare di sollevare pesi e di non portare il braccio in abduzione sopra alla testa per un periodo di 10 giorni e di eseguire un ciclo di kinesiterapia assistita per il recupero completo del movimento ed il ripristino del tono muscolare. È, inoltre, sconsigliata l'immobilizzazione. È previsto un controllo clinico ed ecografico a distanza di un mese dal trattamento.

Vantaggi del trattamento ecoguidato percutaneo  (TPE)
La TPE garantisce la risoluzione del problema in almeno l'80% dei casi in un'unica soluzione, non necessità di anestesia generale, risulta essere solo minimamente invasiva e consente una immediata ripresa delle proprie attività.

 

Potrebbe interessarti anche:
Spalla congelata: cosa è e come curarla
Cosa fa l’osteopata per il dolore alla spalla
Esercizi di rinforzo dei muscoli della cuffia dei rotatori

  • Currently 5/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

5 su 5 da 2 voti
Cerca una Specialità
©2009-2017 - Centro Italiano Postura® - Via Vitruvio, 38 | 20124 Milano | P.IVA 07665500968 - Aut. san. ASL - MI n. 84858 del 5/11/2014
Informazione rispondente al D.Lgs n. 70 del 9 aprile 2003. Messaggio informativo diramato nel rispetto delle linea-guida FNOMCeO in attuazione degli art. 55, 56, 57 del Codice di Deontologia Medica. Autodichiarazione trasmessa a FNOMCeO a mezzo pec in data 12/02/2014 prot. nr. 01/MC.
Responsabile del sito: Gianluca Merchich - Sito aggiornato il 30/06/2020 11:06:10