Sei in:  Home | Notizie | Sindrome del piriforme: chiedi aiuto all’osteopata
Condividi

Sindrome del piriforme: chiedi aiuto all’osteopata

lunedě 18 febbraio 2019 | di: Elia Silvia

Elia Silvia

Elia Silvia
Osteopata M.R.O.I.

Dopo aver conseguito il diploma di Osteopata presso l'Istituto Superiore di Osteopatia di Milano e conseguito il Bachelor of Science in Osteopathy presso la University of Wales di Cardiff (UK) il 24/09/2002, si specializza in posturologia e osteopatia pediatrica. Da oltre dieci anni è membro del Registro degli Osteopati d'Italia, iscritta al nr. 669. Iscritta all'Associazione Italiano Massoterapisti.
Il 28/02/2003 riceve dal Registro degli Osteopati d’Italia la Menzione per la sua tesi dal titolo “Espansione progressiva del palato con Quad helix e rilasciamento suturale su pazienti in crescita. Uno studio sperimentale”. Dopo aver collaborato con diverse strutture private su tutto il territorio nazionale e collaborato in qualità di relatrice in diversi corsi e seminari sull’osteopatia, dà vita nel 2009 al Centro Postura Osteopatico. Oggi è co-fondatrice e amministratore del Centro Italiano Postura.
 

Sindrome del piriforme: chiedi aiuto all’osteopata

La sindrome del piriforme si manifesta quando questo muscolo, a causa di una eccessiva contrazione, comprime il nervo sciatico e provoca una sensazione di dolore al gluteo che in alcuni casi si irradia lungo tutta la gamba, proprio come una sciatalgia.
Cosa fare in presenza di questi disturbi e dolori? Chiedi aiuto all’osteopata, fai gli esercizi di stretching per allungare i muscoli dell'anca, sottoponiti a crioterapia per ridurre il dolore e prenditi un periodo di riposo.
Azioni semplici come girarsi nel letto, accavallare le gambe, camminare o semplicemente stare seduti risultano dolorosi.
Le cause della sindrome del piriforme possono essere svariate: un trauma al gluteo, un movimento o una postura scorretta, un cattivo appoggio podalico, una dismetria degli arti inferiori o aderenze del tessuto connettivo causare da un intervento chirurgico nella zona addominale o del bacino.
Podisti e ballerini sono gli atleti più a rischio ma anche chiunque subisca una distorsione di caviglia può sviluppare la sindrome del piriforme.
L’osteopata, dopo una accurata valutazione strutturale e dopo aver effettuato una serie di test funzionali per individuare le cause del problema, attraverso alcune tecniche osteopatiche rispristina la mobilità articolare, ristabilisce l’equilibrio biomeccanico eliminando le tensioni che possono giustificare un’anomala contrazione del piriforme e consiglia gli esercizi più adatti a prevenire la sindrome del piriforme.

In attesa di andare dall’osteopata è consigliabile sospendere le attività sportive o lavorative, non tenere il portafogli nella tasca posteriore dei jeanse e dormire con un cuscino tra le ginocchia per mantenere il muscolo rilassato.

 

Potrebbe interessarti anche:

Sindrome del piriforme: cos'è e cosa fare

Una gamba più corta dell'altra. Si tratta di eterometria

  • Currently 5/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

5 su 5 da 1 voti
Cerca una Specialità
©2009-2017 - Centro Italiano Postura® - Via Vitruvio, 38 | 20124 Milano | P.IVA 07665500968 - Aut. san. ASL - MI n. 84858 del 5/11/2014
Informazione rispondente al D.Lgs n. 70 del 9 aprile 2003. Messaggio informativo diramato nel rispetto delle linea-guida FNOMCeO in attuazione degli art. 55, 56, 57 del Codice di Deontologia Medica. Autodichiarazione trasmessa a FNOMCeO a mezzo pec in data 12/02/2014 prot. nr. 01/MC.
Responsabile del sito: Gianluca Merchich - Sito aggiornato il 19/03/2019 17:27:31