Sei in:  Home | Blog | L’analisi posturale per prevenire i traumi muscoloscheletrici
Condividi

L’analisi posturale per prevenire i traumi muscoloscheletrici

03 October 2018 | di: Terranova Angelo

Terranova Angelo

Terranova Angelo
Osteopata

Dopo aver conseguito la laurea in Tecniche di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione
Cardiovascolare presso l’Università degli studi di Genova nel 2009, consegue il diploma di Osteopata presso l’Istituto Europeo della Medicina Osteopatica (IEMO) di Genova.
Ha lavorato presso l’Ospedale Gaslini di Genova, collabora con la cattedra di Osteopatia odontoiatrica e posturologia clinica all’Istituto Europeo della Medicina Osteopatica (IEMO) e svolge la libera professione in provincia di Asti. Attualmente collabora con il nostro Centro in qualità di Osteopata.


 

L’analisi posturale per prevenire i traumi muscoloscheletrici

Controllare la propria postura è molto importante perché aiuta l’individuo a prevenire eventuali traumi muscoloscheletrici ai quali sono soggetti tutti gli individui durante le normali attività della vita quotidiana.
L’analisi posturale prevede la valutazione dell’individuo nei tre piani dello spazio (frontale, sagittale, trasversale). Lo scopo della valutazione è quello di individuare diversi punti di repere che saranno sufficienti a indicare all’operatore l’equilibrio della persona e la simmetria delle sue differenti parti del corpo.
L’analisi posturale deve essere vista come un esame da fare in via preventiva così da poter dare la possibilità di valutare e organizzare eventuali trattamenti osteopatici, fisioterapia o rieducazione posturale, al fine di prevenire scompensi, disfunzioni che a lungo andare porteranno sofferenza e disturbi al paziente stesso.
Ma quali sono i punti di repere che verranno presi in considerazione? Sono molteplici e, in questa sede, per evitare di dilungarci eccessivamente, saranno elencati i principali:

  • Valutazione della presenza di cicatrici che possano portare all’instaurarsi di tensioni mantenute nel tempo. Queste tensioni potrebbero creare un adattamento non “fisiologico” delle strutture limitrofe
  • Valutazione dell’orientamento del capo (anteriore, posteriore, inclinato)
  • Simmetria delle orecchie, spalle, scapole e rime glutee. E’ importante sapere che le spalle presentano una dismetria fisiologica. La spalla dell’arto di preferenza risulta nella quasi totalità dei casi sempre leggermente più bassa e anteriorizzata rispetto alla spalla opposta
  • Presenza di atteggiamenti scoliotici
  • Valutazione del bacino
  • Valutazione del valgismo o varismo delle ginocchia e delle caviglie
  • Valutazione del corretto appoggio plantare

Durante l’esame posturale, verranno inoltre eseguiti test con lo scopo di valutare l’equilibrio della persona anche durante il movimento.

  • Currently 5/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

5 su 5 da 2 voti
Cerca una Specialità
Visite ed Esami per te
©2009-2017 - Centro Italiano Postura® - Via Vitruvio, 38 | 20124 Milano | P.IVA 07665500968 - Aut. san. ASL - MI n. 84858 del 5/11/2014
Informazione rispondente al D.Lgs n. 70 del 9 aprile 2003. Messaggio informativo diramato nel rispetto delle linea-guida FNOMCeO in attuazione degli art. 55, 56, 57 del Codice di Deontologia Medica. Autodichiarazione trasmessa a FNOMCeO a mezzo pec in data 12/02/2014 prot. nr. 01/MC.
Responsabile del sito: Gianluca Merchich - Sito aggiornato il 29/11/2018 13.12.22