Sei in:  Home | Blog | Sindrome da fatica cronica: la causa nel microbiota intestinale
Condividi

Sindrome da fatica cronica: la causa nel microbiota intestinale

26 May 2017 | di: Bonaccorso Michele

Bonaccorso Michele

Bonaccorso Michele
Specialista in Anestesia e Rianimazione Ozonoterapeuta

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2005 con lode presso l’Università degli Studi di Catania, quattro anni dopo si specializza in Anestesia e Rianimazione e si trasferisce a Milano dove inizia la sua attività professionale.
L’esperienza acquisita nell’ambito della terapia antalgica lo spinge a cercare altre e nuovo soluzioni terapeutiche per aiutare il paziente nella gestione del dolore. Dopo un ulteriore percorso formativo presso la Società di Ossigeno-Ozono Terapia (SIOOT) diventa Ozonoterapeuta, attività che svolge presso il nostro Centro. 
Attualmente è anestesista presso l’Ospedale San Giuseppe di Milano e responsabile dell'ambulatorio di terapia del dolore dell'Istituto Ospedaliero MultiMedica di Castellanza.

Sindrome da fatica cronica: la causa nel microbiota intestinale

La sindrome da fatica cronica è una malattia caratterizzata da un senso di profonda stanchezza e dolori diffusi, disfunzioni cognitive, alterazioni del sonno, che tendono a peggiorare con sforzi di qualsiasi tipo, spesso questi sintomi sono confusi con quelli di un’influenza.
Il malato si sente privo di forze, non riesce a svolgere le attività più semplici, non riesce a muoversi o ad alzarsi dal letto.
Poiché la sintomatologia potrebbe ricordare stati morbosi più gravi, se il senso di fatica è prolungato e se non si risolve neppure dopo un periodo di riposo, è consigliabile rivolgersi al proprio medico.
La sindrome da fatica cronica è anche nota con il nome di encefalomielite mialgica. Encefalomielite vuol dire infiammazione del cervello e del midollo spinale mentre il termine mialgica deriva da mialgia e indica dolore muscolare.
L'encefalomielite mialgica colpisce prevalentemente le donne fra i 40 e i 50 anni ma può colpire chiunque mentre nei bambini si riscontra tra i 13 e 15 anni.
Un recentissimo studio della Cornell University di New york e pubblicato sulla rivista scientifica Microbiome afferma di aver individuato le cause, sino a poco tempo fa sconosciute, nel microbiota intestinale. Nello studio è emerso che il microbiota dei pazienti con sindrome da fatica cronica era differente nella composizione da quello dei soggetti sani, le specie batteriche erano ridotte, ed era anche minore la presenza di microrganismi dalla capacità antinfiammatori. Un po’ la stessa condizione di coloro che sono affetti dal morbo di Chron e da colite ulcerosa.
I ricercatori della Cornell hanno anche scoperto nei campioni di sangue dei pazienti con la sindrome da fatica cronica la presenza di alcuni marcatori biologici di infiammazione, rilasciati in circolo da un intestino dalle funzionalità compromessa, che potrebbero essere responsabili di scatenare una reazione immunitaria alla base dei sintomi della patologia.
Secondo il Prof. Maureren Hanson questo studio dimostra che il microbioma intestinale nella sindrome da fatica cronica è anomalo e che forse provoca sintomi gastrointestinali e infiammatori in chi ne soffre, escludendo definitivamente l’origine psicologica della malattia.

Quindi se si riuscirà ad avere in idea chiara di cosa accade in questi microrganismi intestinali si potrebbe prendere in considerazione la possibilità di modificare le abitudini alimentari utilizzando prebiotici come fibre alimentari o probiotici per aiutare a curare la malattia.

  • Currently 5/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

5 su 5 da 3 voti
Cerca una Specialità
©2009-2017 - Centro Italiano Postura® - Via Vitruvio, 38 | 20124 Milano | P.IVA 07665500968 - Aut. san. ASL - MI n. 84858 del 5/11/2014
Informazione rispondente al D.Lgs n. 70 del 9 aprile 2003. Messaggio informativo diramato nel rispetto delle linea-guida FNOMCeO in attuazione degli art. 55, 56, 57 del Codice di Deontologia Medica. Autodichiarazione trasmessa a FNOMCeO a mezzo pec in data 12/02/2014 prot. nr. 01/MC.
Responsabile del sito: Gianluca Merchich - Sito aggiornato il 21/09/2017 14.35.21