Sei in:  Home | Blog | Pressione bassa? ecco alcuni consigli per affrontare il caldo estivo
Condividi

Pressione bassa? ecco alcuni consigli per affrontare il caldo estivo

10 July 2017 | di: De Serio Daniela

De Serio Daniela

De Serio Daniela
Specialista in Cardiologia

Laureata in Medicina e Chirurgia con lode nel 2007, si specializza sempre con lode nel 2012 in Cardiologia. Dal 2012 lavora come cardiologa sia in Sudan per Emergency che presso l’UO Cardiologia dell’Istituto Clinico Città Studi di Milano. Dal 2016 collabora con il nostro Centro.

 

Pressione bassa? ecco alcuni consigli per affrontare il caldo estivo

L’ipotensione (o pressione bassa) è una condizione clinica caratterizzata dalla presenza di valori di pressione arteriosa più bassi del normale, nello specifico una sistolica (massima) ed una diastolica (minima) rispettivamente inferiori a 90 e i 60 mmHg.
L’ipotensione è una condizione solitamente benigna e relativamente frequente, infatti spesso donne giovani ed atleti hanno cronicamente valori pressori più bassi senza presentare sintomi o disturbi di alcun genere, in quanto il loro organismo è “abituato” a lavorare con una pressione più bassa del normale.
Con l’arrivo del caldo però, capita spesso che l’ipotensione colpisca anche persone che solitamente hanno normali valori pressori. Ciò è dovuto soprattutto a due differenti fattori: la vasodilatazione e la disidratazione. Quando fa molto caldo le vene del nostro organismo si dilatano e ciò riduce la quantità di sangue che ritorna al cuore, inoltre perdiamo molti più liquidi attraverso la sudorazione e la perspiratio (cioè la trasudazione di liquidi, che è un processo fisiologico per il quale, in continuo, perdiamo impercettibilmente piccole quantità d’acqua dalle mucose e dalle vie respiratorie). Questi fattori culminano nella riduzione della volemia (cioè della quantità di sangue circolante nel nostro organismo) ed, in ultima analisi, riducono la pressione.
Sintomi tipici dell’ipotensione sono: mal di testa, stanchezza, nausea, debolezza muscolare, pesantezza alle gambe, scarsa lucidità mentale, vertigini. In alcuni casi, quando ad esempio la pressione si abbassa di colpo (tipico esempio è quando ci alziamo rapidamente dal letto), possono comparire annebbiamento della vista e svenimento (sincope).
Quando la bassa pressione è legata solo al caldo non c’è motivo di preoccuparsi anche nel caso limite dello svenimento, in quanto è una manovra protettiva messa in atto dal nostro organismo: facendoci svenire, quindi cadendo a terra, cuore e cervello sono allo stesso livello, e pertanto, anche se spinto da una bassa pressione, il sangue raggiungerà il cervello fornendo i nutrimenti e l’ossigeno di cui ha bisogno per funzionare (questo è il motivo per cui di solito una volta a terra si riprende conoscenza dopo pochi secondi).
Anche se più raramente, in alcuni casi l’ipotensione può essere il sintomo di una malattia ben più seria, pertanto è sempre consigliato rivolgersi al medico di famiglia o al cardiologo per una visita.
ALCUNI CONSIGLI - Nella stagione calda si possono seguire semplici accorgimenti e consigli per ridurre i sintomi e migliorare la qualità di vita: bere molta acqua, salare leggermente in più i cibi (se non si soffre di altre patologie), evitare di uscire nelle ore più caldi, ridurre il consumo di alcol (in quanto aumenta la sudorazione e la vasodilatazione), passare con lentezza dalla posizione sdraiata a quella supina (una bona pratica può essere quella di mettersi prima seduti con le gambe fuori dal letto e dopo qualche secondo alzarsi).
Sicuramente una corretta alimentazione può venirci in contro in questo periodo. Ci sono infatti alimenti che cooperano a mantenere la pressione più alta, come per esempio la liquirizia. Oltre ad una corretta e sufficiente assunzione di frutta e verdura, in questo periodo può essere d’aiuto mangiare cibi ricchi di magnesio e potassio (riso integrale, spinaci e verdura a foglia verde, patate, albicocche e banane, frutta secca). In alternativa, o meglio ancora se in aggiunta, si possono utilizzare integratori di sali minerali o vitaminici.
Se inizi ad avvertire capogiri, annebbiamento della vista e sensazione di svenimento, sdraiati per terra (o almeno siediti) e chiedi a qualcuno di alzarti le gambe: questo aumenterà il ritorno venoso al cuore e migliorerà i tuoi sintomi.

  • Currently 5/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

5 su 5 da 1 voti
Cerca una Specialità
Visite ed Esami per te
©2009-2017 - Centro Italiano Postura® - Via Vitruvio, 38 | 20124 Milano | P.IVA 07665500968 - Aut. san. ASL - MI n. 84858 del 5/11/2014
Informazione rispondente al D.Lgs n. 70 del 9 aprile 2003. Messaggio informativo diramato nel rispetto delle linea-guida FNOMCeO in attuazione degli art. 55, 56, 57 del Codice di Deontologia Medica. Autodichiarazione trasmessa a FNOMCeO a mezzo pec in data 12/02/2014 prot. nr. 01/MC.
Responsabile del sito: Gianluca Merchich - Sito aggiornato il 21/09/2017 14.35.21